-  

SCHEDA TECNICA

NIKON F

 
 
fonte: Collezione Arturo Tortellini

Mirino: pentaprisma intercambiabile, con copertura del 100% e ingrandimento del 0,95x. Schermo di messa a fuoco intercambiabile. Standard smerigliato con lente di Fresnel e, al centro, telemetro ad immagine spezzata con corona di microprismi. Esposimetro: Photomic opzionale. Esposizione:  manuale. Otturatore: meccanico con tendine in titanio a scorrimento orizzontale. Tempi: da 1 secondo a 1/1000 di sec. più la posa B e T. Sincro lampo 1/60 di sec, con presa X e slitta speciale a contatto diretto. Autoscatto: meccanico con ritardo da 2 a 10 secondi. Innesto obiettivi: a baionetta tipo Nikon. Avanzamento pellicola: leva di carica con movimento additivo di 120°. Dimensioni: 98x147x56 millimetri solo corpo. Peso: 685 grammi solo corpo. 

 
  


 Fonte immagini

I PHOTOMIC

L'elemento che ha maggiormente caratterizzato la Nikon F è stata la presenza del Photomic, cioè del mirino pentaprisma che contiene l'esposimetro. La sua esistenza è legata al concetto di modularità di queste fotocamere, per le quali l'esposimetro è considerato un accessorio, che si evolve in maniera autonoma e di cui si può fare benissimo a meno. Anche nella Nikon F2 viene mantenuto il medesimo concetto costruttivo.

Ne sono stati prodotti quattro modelli per la Nikon F. Il primo è il Photomic F, prodotto dal 1962 al 1965, effettuava la misurazione tramite una cellula al CdS situata all'esterno, leggendo su un campo di pochi gradi. L'alimentazione viene assicurata da una coppia di pile al mercurio da 1,35 volt. E' solo con il Photomic T, prodotto dal 1965 al 1967, che risulta possibile la misurazione della luce che passa attraverso l'obiettivo; la luce viene letta da due cellula al CdS, che la misurano su tutto il campo inquadrato in maniera pressochè uniforme. Nel periodo 1967-1968 è la volta del Photomic TN, che effettua la misurazione in modo semispot, dando maggior peso alla luce proveniente dalla zona centrale del campo inquadrato rispetto ai bordi. La serie si conclude col Photomic FTN, prodotto dal 1968 al 1972, che fornisce prestazioni simili al precedente ma è dotato di un sistema di accoppiamento col diaframma semiautomatico (analogo a quello adottato nella Nikkormat FTn). Con questo, ogni volta che applichiamo un obiettivo dobbiamo prima ruotare completamente la ghiera del diaframma prima verso la massima chiusura (p.es. f/22), poi verso la massima apertura (p.es f/1.4).

Produzione: dal 1959. Prezzo dell'epoca: con obiettivo 50/2 Lire 240.000