-  

SCHEDA TECNICA

MINOLTA 7000


 
fonte: Collezione Arturo Tortellini

Messa a fuoco: automatica e manuale. Mirino: pentaprisma fisso, con copertura del 94% e ingrandimento del 0,85x. Schermo di messa a fuoco intercambiabile, smerigliato con lente di Fresnel e, al centro, limite della zona di messa a fuoco. Segnali visibili nel mirino: pannello LCD con indicazione di tempi, diaframmi, sovra e sotto esposizione, programma; corretta messa a fuoco, pronto flash, test pile. Esposimetro: con 2 cellule al silicio (una per luce ambiente, l'altra per luce flash). Misurazione della luce: su tutto il campo inquadrato con prevalenza della zona centrale (semispot). Misurazione TTL della luce flash. Esposizione: programmata, automatica a prioritÓ del diaframma o dei tempi, manuale. Campo di misurazione: da EV 1 a 20 con pellicola 100 ISO e obiettivo f/1,4. SensibilitÓ: manuale 25-6400 ISO, automatica con impostazione DX. Otturatore: controllato elettronicamente, con tendine a scorrimento verticale. Tempi: da 30 secondi a 1/2000 di sec. pi¨ la posa B. Sincro lampo 1/100 di sec, con slitta a contatto diretto. Autoscatto: elettronico con ritardo di circa 10 secondi; il trascorrere del tempo viene indicato da un segnale luminoso e acustico. Innesto obiettivi: a baionetta tipo Minolta A. Avanzamento pellicola: aggancio automatico e avanzamento motorizzato; cadenza di ripresa a fotogramma singolo oppure circa 2 fotogrammi al secondo. Riavvolgimento automatico. Alimentazione: 4 pile microstilo da 1,5 volt, tipo AAA; pila al litio per il mantenimento delle memorie da sostituire ogni 10 anni circa. Dimensioni: 52x92x138 millimetri solo corpo. Peso: 555 grammi solo corpo. Caratteristiche particolari: pannello informativo superiore a cristalli liquidi, segnali acustici disinseribili, pulsante di scatto elettromagnetico.

Produzione: dal 1985. Prezzo dell'epoca: con obiettivo 50/1.7 Lire 860.000